Test Spam

Gli spammer pronti per il Campionato Europeo!

Tradizionalmente, i grandi tornei di calcio, come, ad esempio, il Campionato del Mondo e il Campionato Europeo, attirano in maniera considerevole le attenzioni degli spammer. Nel 2016, il Campionato Europeo di calcio si svolgerà in Francia, a cavallo tra i mesi di giugno e luglio; all’atteso evento, tuttavia, si stanno preparando non solo i tifosi e le rispettive squadre nazionali, ma anche truffatori della Rete di vario genere. Questi ultimi, ad esempio, inviano alle potenziali vittime false notifiche relative a fantomatiche vincite ottenute grazie ad una lotteria dedicata al popolare, ed ormai imminente, evento calcistico. Tali messaggi e-mail contengono spesso allegati, che si caratterizzano per l’utilizzo, da parte degli spammer, di elementi grafici a tema: emblemi ufficiali, loghi della manifestazione sportiva e dei relativi sponsor.

Gli spammer pronti per il Campionato Europeo!

Il contenuto degli allegati è quello standard: come al solito, la lotteria risulta allestita a nome di qualche ente od organismo “autorizzato”; l’indirizzo del destinatario dell’e-mail – guarda a caso – è stato casualmente scelto tra una miriade di indirizzi di posta elettronica; per entrare in possesso della somma “vinta” occorre assolutamente rispondere al messaggio ricevuto, fornendo le “necessarie” informazioni personali. Sono stati da noi rilevati dei casi in cui lo stesso identico allegato viene inviato tramite messaggi di posta elettronica che presentano testi diversi tra loro; tuttavia, la tematica che contraddistingue le e-mail in questione rimane, nel complesso, invariata. Inoltre, i malintenzionati possono utilizzare vari indirizzi e-mail di contatto, cambiando poi gli stessi nel corpo del messaggio e nel testo stesso del documento allegato.

Si incontra, poi, anche il “classico” spam pubblicitario, in varie lingue, quali, ad esempio, l’olandese; in tali messaggi viene offerta la possibilità di acquistare una moneta commemorativa da 2 euro, appositamente emessa in occasione del Campionato Europeo di calcio.

Gli spammer pronti per il Campionato Europeo!

È del tutto lecito presupporre che, da qui all’inizio del prestigioso evento sportivo, assisteremo ad un sensibile aumento dello spam ispirato a tematiche di natura “calcistica”. Per gli utenti, la forma di spam in assoluto più pericolosa può divenire quella fraudolenta: non è difatti escluso che i malintenzionati non si limitino soltanto alle lotterie fasulle, ma inizino, invece, a diffondere messaggi di vario tipo attraverso i quali si comunica che il destinatario dell’e-mail ha vinto dei biglietti per assistere ai match del torneo di football, come è di fatto avvenuto proprio alla vigilia della Coppa del Mondo Brasil 2014. Prevediamo, al tempo stesso, che possano ugualmente aumentare in maniera sensibile i volumi dei flussi di spam diretti agli utenti ubicati in Francia, il paese che ospiterà il Campionato Europeo di calcio.

Gli spammer pronti per il Campionato Europeo!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Report

Evoluzione dei malware mobile – 2016

Ha continuato a crescere in maniera davvero sensibile, nel corso del 2016, il numero dei Trojan pubblicitari in grado di utilizzare i diritti di superutente. Si è trattato, lungo tutto l’arco dell’anno, della minaccia informatica numero 1; al momento attuale non scorgiamo, peraltro, validi motivi ed argomenti che lascino intravedere qualche cambiamento riguardo a tale specifica tendenza.

Lo spam nell’anno 2016

Nel 2016, all’interno dei flussi di spam, si sono verificati diversi cambiamenti; tra di essi, quello più significativo riguarda il sensibile aumento del numero di mailing di massa preposte alla distribuzione dei temibili programmi ransomware. Considerando l’effettiva disponibilità, sul mercato nero, di simili software nocivi, è presumibile che tale tendenza continui a manifestarsi anche nell’anno in corso.

Kaspersky Security Bulletin 2016. Rassegna annuale. Le statistiche dell’anno 2016

Il 2016 è stato, nell’ambito della cyber sicurezza, un anno davvero intenso e turbolento, caratterizzato da imponenti botnet IoT, ransomware, attacchi mirati di cyber spionaggio, ingenti furti nella sfera finanziaria, “hacktivismo” e molto altro ancora. Il Kaspersky Security Bulletin 2016 e il report Statistics di Kaspersky Lab forniscono un quadro dettagliato della situazione; qui, invece, si può leggere l’Executive Summary.

Kaspersky Security Bulletin 2016. La rivoluzione del ransomware

Tra gennaio e settembre 2016 gli attacchi ransomware diretti alle imprese sono aumentati di tre volte, fino all’equivalente di un attacco ogni 40 secondi. Con il boom del ransomware-as-a-service, ed il lancio del progetto NoMoreRansom, Kaspersky Lab ha definito il ransomware come il proprio “tema chiave” per il 2016.

Iscriviti alle nostre e-mail settimanali

La ricerca più all'avanguardia, direttamente nella tua inbox