no-image

Smantellata la campagna ransomware WildFire

L’iniziativa No More Ransom ha rilasciato, la scorsa settimana, le chiavi di decodifica per un’altra “specie” di ransomware; adesso, le vittime del temibile programma ransomware denominato WildFire, orientato prevalentemente agli utenti olandesi, possono recuperare i loro file senza dover pagare… Leggi tutto l’articolo

no-image

Caccia a Lurk

All’inizio del mese di giugno dell’anno in corso, le forze dell’ordine russe hanno arrestato i presunti membri di un gruppo criminale sospettato di aver realizzato il furto di quasi tre miliardi di rubli. La storia di Lurk può fornire un’idea ben precisa di quale possa essere il volume di lavoro da svolgere, per creare i presupposti legali necessari al fine di perseguire le persone sospettate. Leggi tutto l'articolo

no-image

Spam e phishing nel secondo trimestre del 2016

Nel secondo trimestre del 2016, la quota relativa alle e-mail di spam presenti nei flussi di posta elettronica globali si è attestata su un valore medio pari al 57,25% del volume totale dei messaggi di posta circolanti in Rete, facendo registrare un lieve aumento (+ 0,33%) rispetto all’analogo indice rilevato riguardo al primo trimestre dell’anno in corso. Così come in precedenza, la speciale graduatoria relativa alla ripartizione geografica delle fonti dello spam mondiale, risulta capeggiata dagli Stati Uniti. La composizione della “trojka” dei paesi leader di tale rating viene completata, come nel trimestre precedente, da Vietnam e India. Leggi tutto l'articolo

no-image

Evoluzione delle minacce informatiche nel secondo trimestre del 2016. Le statistiche

Nel secondo trimestre del 2016 il nostro Anti-Virus Web ha effettuato il rilevamento di 16.119.489 oggetti dannosi unici (script, exploit, file eseguibili, etc.); sono stati inoltre individuati e bloccati, da parte del modulo Anti-Virus Web di Kaspersky Lab, 54.539.948 URL unici. Leggi tutto l'articolo

no-image

Attacchi DDoS nel secondo trimestre del 2016

Nel secondo trimestre del 2016 si sono registrati attacchi DDoS nei confronti di obiettivi ubicati in 70 diversi Paesi; il 77,4% di questi ha riguardato, tuttavia, risorse web situate in Cina. I dati statistici relativi al numero complessivo di attacchi DDoS individuati evidenziano come il 97,3% del loro volume totale sia stato condotto verso il territorio di soli 10 Paesi. L’attacco DDoS di maggior durata, da noi individuato nel corso del secondo trimestre del 2016, si è protratto per ben 291 ore, superando quindi di gran lunga la durata massima registrata per un singolo attacco nei primi tre mesi dell’anno in corso (197 ore). Leggi tutto l'articolo