La medicina “connessa”: analisi e diagnosi

I risultati ottenuti a seguito della precedente indagine da noi condotta, di cui abbiamo riferito in un articolo pubblicato alcuni mesi fa, sono serviti come ottima base di partenza per condurre un’analisi ancor più dettagliata dei problemi, inerenti alla sicurezza informatica, che si manifestano all’interno delle istituzioni mediche e delle strutture sanitarie (ovviamente con il permesso dei rispettivi proprietari). Nella circostanza, il nostro intento è stato quello di lavorare direttamente “sugli errori e sulle mancanze” via via rilevati, per fornire poi tutta una serie di raccomandazioni agli esperti di informatica che gestiscono le infrastrutture IT di cui sono provvisti i complessi medico-sanitari. Leggi tutto l'articolo

Errori e mancanze della medicina “intelligente”

Il boom tecnologico che si è registrato in campo medico non ha provocato solo il progressivo ed inarrestabile passaggio, da parte dei complessi ospedalieri e degli istituti medici, verso una gestione ed un’elaborazione dei dati eseguite unicamente attraverso i sistemi informatici; i rapidi progressi tecnologici, in effetti, hanno ugualmente portato alla comparsa di nuove tipologie di apparecchiature mediche e di dispositivi personali che possono interagire con le reti ed i sistemi “classici”. Questo significa, in pratica, che le potenziali e sempre incombenti minacce IT che riguardano questi ultimi, possono purtroppo essere trasferite anche ai sistemi e ai dispositivi medici. Leggi tutto l'articolo

Ecco come la “città intelligente” può diventare “stupida”

Il concetto di “smart city” abbraccia una vasta combinazione di soluzioni e tecnologie all’avanguardia di vario genere. Le infrastrutture di cui sono provviste le cosiddette “città intelligenti”, di solito, si sviluppano più velocemente degli strumenti adibiti alla loro protezione; questo lascia ampio spazio alle potenziali attività che possono essere condotte sia da ricercatori particolarmente curiosi, sia, purtroppo, da eventuali cyber criminali. Leggi tutto l'articolo

Come ingannare i sensori del traffico

I sensori, di fatto, rappresentano il livello inferiore delle infrastrutture che caratterizzano le cosiddette “smart city”; essi forniscono dati “grezzi”, non ancora elaborati, relativi ai flussi di traffico, senza i quali non si rivela possibile alcuna analisi, così come una corretta configurazione e un’ideale messa a punto dei sistemi. Le informazioni provenienti dai sensori debbono pertanto essere esatte ed accurate. Ma è davvero così? Leggi tutto l'articolo