no-image

Spam e phishing nel secondo trimestre del 2017

Nel secondo trimestre del 2017, la quota relativa alle e-mail di spam presenti nei flussi di posta elettronica globali si è attestata su un valore medio pari al 56,97% del volume totale dei messaggi e-mail circolanti in Rete, facendo registrare un lieve aumento (+ 1,07%) rispetto all’analogo indice rilevato riguardo al primo trimestre dell’anno in corso. Non è di certo passato inosservato, agli occhi degli spammer, uno degli eventi di maggior rilievo del trimestre qui preso in esame: la grave epidemia informatica generata dal ransomware WannaCry. Leggi tutto l'articolo

no-image

Spam e phishing nel primo trimestre del 2017

Nonostante all’inizio del primo trimestre del 2017 le quantità di spam presenti all’interno del traffico di posta elettronica mondiale abbiano iniziato a diminuire in maniera sensibile, nel successivo mese di marzo la situazione si è poi “stabilizzata”; la quota relativa ai messaggi di spam rilevati nei flussi e-mail globali si è così attestata su un valore medio pari al 55,9%. Per quel che riguarda, invece, le quantità di spam distribuite in Rete dal territorio dei vari paesi, osserviamo come il primo posto della speciale graduatoria relativa alle fonti geografiche dello spam mondiale sia nuovamente andato ad appannaggio degli USA (18,75%); sul secondo e sul terzo gradino del “podio virtuale” si sono poi collocati, rispettivamente, Vietnam (7,86%) e Cina (7,77%). Leggi tutto l'articolo

no-image

Evoluzione dei malware mobile – 2016

Ha continuato a crescere in maniera davvero sensibile, nel corso del 2016, il numero dei Trojan pubblicitari in grado di utilizzare i diritti di superutente. Si è trattato, lungo tutto l’arco dell’anno, della minaccia informatica numero 1; al momento attuale non scorgiamo, peraltro, validi motivi ed argomenti che lascino intravedere qualche cambiamento riguardo a tale specifica tendenza. Leggi tutto l'articolo

no-image

Lo spam nell’anno 2016

Nel 2016, all’interno dei flussi di spam, si sono verificati diversi cambiamenti; tra di essi, quello più significativo riguarda il sensibile aumento del numero di mailing di massa preposte alla distribuzione dei temibili programmi ransomware. Considerando l’effettiva disponibilità, sul mercato nero, di simili software nocivi, è presumibile che tale tendenza continui a manifestarsi anche nell’anno in corso. Leggi tutto l'articolo

no-image

Spam e phishing nel terzo trimestre del 2016

Nel terzo trimestre del 2016, l’indice relativo ai messaggi di spam presenti all’interno del traffico e-mail mondiale si è attestato su un valore medio pari al 59,19% del volume totale dei messaggi di posta elettronica. La quota più elevata di messaggi e-mail indesiderati è stata riscontrata nel mese di settembre (61,25%). Leggi tutto l'articolo

no-image

Spam e phishing nel secondo trimestre del 2016

Nel secondo trimestre del 2016, la quota relativa alle e-mail di spam presenti nei flussi di posta elettronica globali si è attestata su un valore medio pari al 57,25% del volume totale dei messaggi di posta circolanti in Rete, facendo registrare un lieve aumento (+ 0,33%) rispetto all’analogo indice rilevato riguardo al primo trimestre dell’anno in corso. Così come in precedenza, la speciale graduatoria relativa alla ripartizione geografica delle fonti dello spam mondiale, risulta capeggiata dagli Stati Uniti. La composizione della “trojka” dei paesi leader di tale rating viene completata, come nel trimestre precedente, da Vietnam e India. Leggi tutto l'articolo

no-image

Lurk, il Trojan bancario fatto apposta per la Russia

A dir la verità, avevamo già riferito, qualche anno fa, riguardo al Trojan-Banker in questione; tale malware, appena comparso sulla scena del cybercrimine, aveva subito attirato la nostra attenzione, per il fatto che esso utilizzava un meccanismo di diffusione “incorporeo”: in effetti, il codice dannoso non risultava “salvato” su disco, ma veniva eseguito direttamente dalla memoria. Una descrizione dettagliata di Lurk, tuttavia, non era stata sinora pubblicata. Leggi tutto l'articolo

no-image

Spam e phishing nel primo trimestre del 2016

Nel primo trimestre del 2016, la quota relativa ai messaggi di spam presenti nei flussi di posta elettronica globali è cresciuta di 2,7 punti percentuali rispetto all’analogo valore per essa rilevato nel trimestre precedente. Per ciò che riguarda tale importante indice, tuttavia, è ancora prematuro parlare di una specifica tendenza al rialzo. Così come in precedenza, la speciale graduatoria relativa alla ripartizione geografica delle fonti dello spam mondiale, risulta capeggiata dagli Stati Uniti. Leggi tutto l'articolo

no-image

Evoluzione delle minacce informatiche nel primo trimestre del 2016

Il 2016 è iniziato da non molto, ma, nei primi tre mesi dell’anno in corso, nel campo della cyber-sicurezza si sono verificati così tanti eventi al punto che, solo alcuni anni fa, una simile quantità di avvenimenti si sarebbe rivelata più che sufficiente per “riempire” l’intero anno. Premesso che le tendenze già manifestatesi nei trimestri precedenti hanno continuato a mantenersi attuali, risulta del tutto evidente che si sono sensibilmente rafforzate le tendenze collegate alla criminalità informatica di stampo tradizionale, soprattutto per ciò che riguarda le minacce destinate ai dispositivi mobile e le epidemie globali generate dai cosiddetti software “estorsori”. Leggi tutto l'articolo

no-image

Locky, il ransomware crittografico che fa il giro del mondo

Nel mese di febbraio 2016, la rete Internet è stata letteralmente scossa dall’epidemia informatica generata da un nuovo Trojan crittografico, denominato Locky. Le attività nocive legate alla diffusione di tale malware non sembrano peraltro affievolirsi: sinora, i prodotti Kaspersky Lab hanno individuato tentativi di infezione dei computer degli utenti, da parte di questo temibile Trojan, in ben 114 paesi. Leggi tutto l'articolo